Quotidiani siciliani, dati Ads vendite copie digitali a maggio 2018

William Butler Yeats nella sua poesia Verso Bisanzio esordisce con: “Quello non è un paese per vecchi“. Il nostro, invece, non è un Paese per lettori e, ancora peggio, per abbonati. Possiamo tradurre così poeticamente una realtà drammatica che colpisce il settore dell’editoria in Italia. I numeri di vendita delle copie digitali sono esigui sia a livello nazionale che a livello locale. Questo è quanto emerge anche dall’ultimo report Ads. Questa volta su Redat24 abbiamo analizzato i dati, relativi sempre ai tre quotidiani siciliani, sulla vendita di copie digitali. Una formula nuova e con prezzi abbastanza abbordabili per il lettore medio. Molte delle piattaforme in uso per la lettura dell’edizione digitale offrono inoltre diverse opportunità. Eppure i numeri in una regione con oltre cinque milioni di abitanti e che vanta siciliani sparsi in tutto il mondo non sono dirompenti. I numeri si riferiscono ad una media giornaliera delle tre testate: Gazzetta del Sud, Giornale di Sicilia e La Sicilia.

Nulla di nuovo sotto il sole…

Sugli abbonamenti digitali un passato ne aveva scritto anche DataMediaHub. Un ottimo spunto, per certi versi sempre attuale, per un approfondimento:

L’Italia come abbiamo scritto più volte non è un Paese con per abbonati (non per quanto riguarda l’editoria, di certo) a differenza di altre realtà come Stati Uniti o Francia (dove la quota di copie diffuse per abbonamento raggiunge il 40%), ma dare una reale dimensione a questo elemento evidenziando i numeri testata per testata è stata anche per noi una sorpresa. Read more

Please follow and like us:

Giovanni Villino

Giornalista professionista. Appassionato di new media e sostenitore del citizen journalism. Lavoro per Tgs, emittente televisiva regionale del gruppo editoriale Giornale di Sicilia. Dirigo Redat24.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *