fbpx

Fixed wireless access anche nel sud Italia

Nuovo passo in avanti per la connettività di aree sino ad oggi non particolarmente battute dai circuiti di innovazione. EOLO, principale operatore in Italia nel Fixed Wireless Access ultra broadband per i segmenti business e residenziale, ha annunciato la firma di un accordo di finanziamento. L’ammontare complessivo del finanziamento è di oltre 155 milioni di euro. Questo finanziamento è “fornito da un pool di sei istituti di credito internazionali e domestici di primario standing: UniCredit, Natixis, MPS Capital Services, Banco BPM, Credit Agricole Italia ed Intesa Sanpaolo“, si legge nel comunicato stampa diffuso dalla società.

Cos’è il Fixed Wireless Access

Come si legge su Agenda Digitale, il Fixed wireless access è una tecnologia che utilizza un sistema ibrido di collegamenti via cavo e senza filo per offrire servizi di connettività in banda larga e ultralarga. È anche definita “Fiber to the tower” (FTTT), ovvero “fibra fino all’antenna”, poiché il cavo arriva fino alla stazione radio base (detta BTS) la quale emette il segnale senza fili per raggiungere il terminale (un’antenna ricevente) che poi lo distribuirà nelle abitazioni degli utenti. Viene definita “Fixed” perché, a differenza delle altre connessioni wireless, utilizza le onde radio esclusivamente per creare un ponte tra due infrastrutture fisse. La rete mista (fibra/rame da un lato e tecnologia radio dall’altro) rappresenta un’alternativa più economica e flessibile rispetto a quella tradizionale, in particolare per le zone montane, rurali e a bassa densità abitativa, dove non è presente una rete cablata in grado di arrivare fino in casa dell’utente e in cui sarebbe anti-economico costruirla.

Obiettivo dell’operazione Eolo con il Fixed Wireless Access

Con il finanziamento per un ammontare complessivo di oltre 155 milioni di euro, “l’obiettivo dell’operazione – si legge nel comunicato – è di accelerare ulteriormente la crescita di EOLO in particolare nei piccoli comuni del Sud Italia, ampliando la copertura del servizio EOLO FWA a 100 Mega, e nelle aree che soffrono di più lo speed divide. Già oggi, la connettività a 100 Mega è disponibile in 89 province, di cui 22 nel Sud Italia. A fine novembre, EOLO conta oltre 430 mila clienti in abbonamento attivi (in crescita del 30% rispetto al precedente anno) tra famiglie e imprese, residenti in 6.051 comuni servendo con il proprio servizio di connettività oltre un milione di cittadini in tutta Italia. L’operazione si inserisce nella strategia di crescita e consolidamento avviata a fine 2017 con l’ingresso del fondo Searchlight Capital Partners LP, e che ha già visto l’implementazione di un piano di investimenti triennale per circa 300 milioni di euro”.

Luca Spada, fondatore di Eolo

Luca Spada, Presidente e fondatore di EOLO ha così commentato “Quotidianamente le nostre persone lavorano a nuove soluzioni tecnologiche e allo sviluppo di una rete sempre più capillare che ci aiuti a risolvere il problema del digital speed divide che ancora affligge diverse province del nostro territorio. La conclusione di questo accordo ci permette di avere a disposizione nuove risorse finanziarie, utili ad accelerare ulteriormente la nostra strategia di crescita anche verso le regioni del Sud e consolidarci come l’operatore nazionale di riferimento per i piccoli comuni di cui l’Italia è particolarmente ricca. È una grande soddisfazione ricevere questo segno di estrema fiducia da parte del mercato e della comunità finanziaria, che riconosce ad EOLO oltre ad un ruolo di ormai consolidata leadership nel mercato, la capacità di sviluppare una tecnologia unica al mondo in grado di ridurre lo speed divide in maniera sostenibile.”

“UniCredit, Natixis e MPS Capital Services hanno agito in qualità di Global Coordinator dell’operazione di finanziamento; la società è stata assistita da Fineurop Soditic in qualità di financial advisor, e da Clifford Chance come legal advisor. Il pool delle sei banche finanziatrici coinvolte è stato assistito dallo studio Dentons”, spiegano nel comunicato.

Please follow and like us:
Shares