fbpx

Qual è la differenza tra portavoce e addetto stampa

Ci avviciniamo ad una stagione calda, anche per la professione giornalistica. Le elezioni mettono in moto l’indotto della comunicazione politica e istituzionale. E con maggiore frequenza si pone il problema di compatibilità per le figure di addetto stampa, capo ufficio stampa e portavoce. Per comprendere la differenza tra le diverse figure bisogna fare riferimento alla legge n. 150 del 2000 che distingue e definisce le attività di informazione che, come si legge nell’articolo 6: si realizzano attraverso il portavoce e l’ufficio stampa e quelle di comunicazione attraverso l’ufficio per le relazioni con il pubblico, nonché attraverso analoghe strutture quali gli sportelli per il cittadino, gli sportelli unici della pubblica amministrazione, gli sportelli polifunzionali e gli sportelli per le imprese.
Portavoce: coadiuva l’organo di vertice dell’amministrazione pubblica e può essere anche esterno all’amministrazione, con compiti di diretta collaborazione ai fini dei rapporti di carattere politico-istituzionale con gli organi di informazione. Il portavoce, incaricato dal medesimo organo, non può, per tutta la durata del relativo incarico, esercitare attività nei settori radiotelevisivo, del giornalismo, della stampa e delle relazioni pubbliche”; al portavoce “è attribuita una indennità determinata dall’organo di vertice nei limiti delle risorse disponibili appositamente iscritte in bilancio da ciascuna amministrazione per le medesime finalità”.

Ufficio stampa: l’attività è in via prioritaria indirizzata ai mezzi di informazione di massa”. E’ costituito “da personale iscritto all’albo nazionale dei giornalisti”; la direzione dell’Ufficio stampa è affidata a “un coordinatore, che assume la qualifica di capo ufficio stampa, il quale, sulla base delle direttive impartite dall’organo di vertice dell’amministrazione, cura i collegamenti con gli organi di informazione, assicurando il massimo grado di trasparenza, chiarezza e tempestività delle comunicazioni da fornire nelle materie di interesse dell’amministrazione”. “I coordinatori e i componenti dell’ufficio stampa non possono esercitare, per tutta la durata dei relativi incarichi, attività professionali nei settori radiotelevisivo, del giornalismo, della stampa e delle relazioni pubbliche” (salve deroghe previste dalla contrattazione collettiva).

Alcune differenze

  • Il portavoce è strumento del vertice politico, l’ufficio stampa rappresenta l’amministrazione nel suo insieme.
  • Il portavoce si occupa esclusivamente dei “rapporti di carattere politico-istituzionale con gli organi di informazione”, gli uffici stampa indirizzano la loro attività “in via prioritaria” ai “mezzi di informazione di massa”.
  • Il portavoce percepisce una “indennità” determinata direttamente dall’organo di vertice, il trattamento economico del personale degli uffici stampa è disciplinato dalla contrattazione collettiva.

Per approfondire questo argomento è possibile scaricare questo documento in word elaborato da Martco Cuniberti. Documento che va comunque integrato con quanto è stato previsto in Sicilia che conta su una specifica formulazione contenuta nella legge regionale 2/2002 che, tra l’altro, prevede appunta l’obbligo di iscrizione all’albo dei giornalisti anche per il portavoce che assume incarico istituzionale presso Enti Pubblici. Qui il testo.

Please follow and like us:
Shares