Lino Morgante: servono nuovi modelli per l’editoria

Nel corso di Taobuk ci sono stati due dibattiti (“Diritto d’autore, tra i potesi di tutela e nuove sfide” e “La libertà di espressione e di stampa“) che sono stati indicati dal gruppo editoriale Ses Gazzetta del Sud-Giornale di Sicilia. Il gruppo è stato mediapartner del festival di Taormina dedicato al mondo del libro. Nel corso di uno di questi incontri ha partecipato anche Lino Morgante, amministratore delegato del gruppo Ses Gds e direttore editoriale della Gazzetta del Sud e del Giornale di Sicilia.

E proprio Morgante, durante il dibattito sul Diritto d’autore, ha sottolineato nel suo intervento l’importanza di una riorganizzazione aziendale che dovrebbe cambiare in virtù delle nuove tecnologie e anche delle esigenze del lettore. Ha fatto cenno alle difficoltà che incontra oggi un gruppo editoriale ed ha anche citato la vertenza dei poligrafici al Giornale di Sicilia.

Lino Morgante ha fatto un passaggio pure sulla figura e il ruolo del giornalista e ha sottolineato la necessità di rivedere quelle che ha definito “barriere”. Limiti che frenano la fluidità della produzione editoriale. Ha parlato di flessibilità e di azione circolare.

Qui di seguito l’intervento completo.

Please follow and like us:
error

Giovanni Villino

Giornalista professionista. Appassionato di new media e sostenitore del citizen journalism. Lavoro per Tgs, emittente televisiva regionale del gruppo editoriale Giornale di Sicilia. Dirigo Redat24.com