Corecom Sicilia, a novembre conferenza sull’informazione locale

Il presidente del Corecom Sicilia, Maria Annunziata Astone

L’informazione locale, nella nostra Isola, non sta troppo bene. Ce lo diciamo spesso sulle “colonne” di questo blog. Si fa sempre più forte il bisogno di un intervento. Da tutelare c’è il pluralismo informativo. A parlare è adesso il Corecom Sicilia. Vengono chiamate in causa le istituzioni affinché possano avviare iniziative dirette. Occorre trovare soluzioni politiche e normative per rilanciare un settore trainante per l’economia regionale e per i riflessi che ha sul piano dell’occupazione e delle attività di impresa. E si parla anche di una conferenza sull’informazione locale che il Corecom sta organizzando per il mese di novembre.

Una sollecitazione ma anche una opportunità che il Corecom Sicilia offre. Con Redat24, in passato, abbiamo auspicato che venisse messo in piedi un evento che potesse rappresentare un momento di confronto e incontro tra gli operatori dell’informazione in Sicilia, oltre che una sorta di osservatorio che guardasse, ancora in modo più ampio, al giornalismo nell’area dell’euromediterraneo.

I soggetti da coinvolgere sono tanti. Parliamo di agenzie di stampa, giornalisti, fotoreporter, videogiornalisti. Ma non solo. Oggi occorre guardare ad un orizzonte (che poi tanto orizzonte non è) in cui il lavoro del giornalista non può prescindere dall’interazione/integrazione con altre figure: social media manager, project manager, distributori locali, centri media, edicolanti poligrafici.

L’obiettivo non è quello di destrutturare un sistema ma fare in modo che la tutela della libertà, pluralismo e qualità dell’informazione così come la tutela dei diritti dei lavoratori sia contestualizzata.

La nota del Corecom Sicilia

“Il Corecom Sicilia – si legge in una nota a firma del presidente Maria Annunziata Astone – per la sua funzione di organo di garanzia e vigilanza in materia di informazione ha rilevato l’esigenza di istituire un tavolo tecnico chiamando ad intervenire tutti i soggetti interessati con l’obiettivo di esaminare le diverse problematiche che riguardano il settore nelle sue diverse manifestazioni e poter presentare, nel corso della seconda conferenza sull’informazione che il comitato organizzerà entro il mese di novembre del 2019, una proposta di intervento legislativo da sottoporre gli organi istituzionali regionali”.

Che possa non essere una rondine, in una primavera che tarda ad arrivare.

Please accept statistics, marketing cookies to watch this video.

Please follow and like us:
error

Giovanni Villino

Giornalista professionista. Appassionato di new media e sostenitore del citizen journalism. Lavoro per Tgs, emittente televisiva regionale del gruppo editoriale Giornale di Sicilia. Dirigo Redat24.com