Header Ads

Amministrative a Palermo, arriva Pierpaolo Signorino il candidato modale

Nella frenetica campagna elettorale palermitana, irrompe Pierpaolo Signorino, un sedicente candidato sindaco. In questi giorni il suo profilo rimbalza di bacheca in bacheca. Colpiscono le immagini e lo stile wordart che trionfa nel logo. Un tuffo nel passato insomma. Il suo account è stato messo in piedi nel giro di pochissimo tempo. Non molto studiato nei particolari (si può fare di meglio) ma brillante per certi versi: parliamo di un professore lucasiano di matematica che sa di chimica, ma ancor prima di numeri. Tra le sue amicizie soprattutto giornalisti che sono anche animatori eccellenti di commenti e interazioni. E pure lo stesso professor Signorino è un assiduo frequentatore del web, ma di una sola piattaforma in particolare: diPalermo.it. Per essere precisi è solo qui che il professore Signorino si firma per esteso nei commenti. Insomma un lavoro di social community davvero interessante... Eppure Pierpaolo Signorino mi sembra un volto già noto: un incredibile somiglianza con tale Antonio Battro, medico e psicologo argentino. Le immagini su Google sono davvero impressionanti: è lui o non è lui? Stesse foto, stessa posa...


Una trappola per giornalisti o una goliardica trovata per alimentare il dibattito? Di certo c'è che  Signorino per certi versi è davvero "il sindaco che ci vuole" :- )

Ricordo che nel 1997 all'università il clima era abbastanza vivace. Ci fu un'occupazione, anzi "un'oqqupazione Modale”. Si discuteva, anche in modo animato, di Maurice Bertelsen e delle sue teorie. Parlavamo di un fantomatico filosofo svedese inventore della non meglio precisata “teoria modale”. Durante i cortei per strada si urlava "Viva Marx, viva Lenin, viva Bertelsen". Si parlava di neosituazionismo e di scherzomania. Solo un giornalista, Marco Gregoretti, ai tempi si accorse della trovata "modale" (qui l'articolo).


AGGIORNAMENTO DELLE 16.25
Sono state rimosse dal profilo fb le foto profilo. Peccato...



1 commento:

  1. e anche i giornalisti hanno tolto i commenti

    RispondiElimina

Edizione digitale a € 2,99

Comments system