Redat24: Branding journalism, quando il giornalista sui social può anche essere utile

martedì 2 agosto 2016

Branding journalism, quando
il giornalista sui social
può anche essere utile

Avery E. Holton della University of Utah e Logan Molyneux della Temple University hanno condotto una ricerca: "Identity lost? The personal impact of brand journalism". Si parla di branding journalism, un tema a dire il vero molto poco discusso e sicuramente fuori dall'ordine del giorno di molte aziende editoriali. Almeno nella lontana Sicilia dove molte redazioni si arrancano tra soluzioni low cost e tagli. Ma non siamo soli nell'ignorare questo aspetto, per sfortuna. Anche nel vecchio continente le cose non sono messe proprio bene. 
Fabio Dotti in un articolo pubblicato su Ejo, l'Osservatorio europeo di giornalismo, affronta questo tema: "Le aziende mediatiche minimizzano l’identità personale dei giornalisti sui social network". Il branding serve, in qualche modo, a creare rapporti con i potenziali clienti, o nel caso nostro lettori, per far crescere in loro la fedeltà e l'attaccamento al marchio, nel caso del giornalismo può essere una testata o un gruppo editoriale. 


Scrive Fabio Dotti: "Lo studio mette in luce come la libertà dei giornalisti nel branding individuale si sia trasformata progressivamente in una funzione più aziendale e corporate: molti datori di lavoro ed editori, infatti, richiedono modifiche alle abitudini dei loro giornalisti sui social media, a cominciare dalla presentazione delle loro identità personali. Le pretese possono variare e comprendere l’aggiunta del nome o del logo della testata nei profili o la promozione di eventi o collaborazioni promosse dall’azienda. Ai giornalisti, inoltre, può anche essere chiesto di condividere più articoli della testata per cui lavorano e meno pezzi esterni".

L’ideale per le aziende mediatiche sarebbe riuscire a sfruttare il branding personale del giornalista, il quale potrebbe trasportare i suoi seguaci sul sito dell’azienda per il cui lavora. Ma le cose, al momento, vanno in modo diverso. Per saperne di più, clicca su  questo link, troverai l'articolo completo. 

Nessun commento:

Posta un commento

Edizione digitale a € 2,99

Disqus Shortname

Comments system

});